Home

Stella mignon, è la più piccola mai misurata

È il più piccolo sole mai scoperto dagli astronomi e quasi sicuramente il più piccolo che una reazione di fusione nucleare possa alimentare. Poco più grande del nostro Saturno si trova a 600 anni luce dalla Terra, si chiama Eblm J0555-57Ab.Un gruppo di astronomi guidato dall’Università di Cambridge ha scoperto il più piccolo sole mai misurato nel cielo. Poco più grande del nostro Saturno, ha una forza di gravità circa 300 volte più forte di quella che siamo abituati a sopportare qui sulla Terra.

Si tratta quasi sicuramente dell’astro celeste più piccolo che mai avremo modo di contemplare: una sorta di minimo storico oltre il quale è impossibile immaginare possano aver luogo le normali reazioni di fusione nucleare che alimentano una stella.Si chiama Eblm J0555-57Ab, si trova a 600 anni luce dalla Terra e ha una massa appena sufficiente a garantire la fusione dei nuclei di idrogeno in elio. Un oggetto più piccolo non potrebbe garantire una pressione al centro della stella bastevole a consentire a questo processo di svolgersi. E la fusione dell’idrogeno è la fonte di vita di un sole, lo sanno bene i fisici nucleari che da anni stanno cercando di replicare questo processo in laboratorio e che potrebbe, domani, aprire nuovi scenari nel comparto energetico.Le stelle in miniatura come Eblm J0555-57Ab sono anche le migliori candidate per ospitare esopianeti potenzialmente abitabili, che possono avere acqua liquida in superficie, come la chiacchierata Trappist-1, piccola, fredda, e circondata da sette mondi lontani simili alla Terra.Scoperta grazie ai dati raccolti dal cacciatore di esopianeti Wasp (gestito dalle università di Kelee, Warwick, Leicester e St Andrews), Eblm J0555-57Ab fa parte di un sistema binario ed è stata individuata mentre transitava di fronte al suo decisamente più voluminoso compagno, un metodo che viene solitamente utilizzato per rilevare pianeti e non stelle. Tutti i dettagli sull’ultimo numero di Astronomy & Astrophysics.«Questo nostro studio mostra quanto piccola possa essere una stella», spiega Alexander Boetticher del Cavendish Laboratory and Institute of Astronomy di Cambridge e primo autore della ricerca. «Se questo sole presentasse una massa leggermente inferiore, la reazione di fusione dell’idrogeno nel nucleo della stella non potrebbe avere luogo e avremmo avuto una nana bruna»
Fonte MediaInaf

Consigli di Google

D2R PLAYER

METEOSAT LIVE

Google ADS

Globe Visitors

 
Discovery 2 Spazio, Ancona, Italy, per qualsiasi informazione 339.666.60.70

<

La Luna oggi

CURRENT MOON

Who's Online

Abbiamo 1230 visitatori e nessun utente online

 

Space: the final frontier. These are the voyages of the starship Enterprise. Its five-year mission: to explore strange new worlds, to seek out new life and new civilizations, to boldly go where no man has gone before.

SITO DEDICATO A LAIKA

Questo sito è dedicato alla cagnetta Laika, probabilmente la prima creatura ad andare nello spazio. CLICCA Qui per la storia
Chiunque conosca un cane e abbia  visto gli occhi di Laika mentre la insaccavano dentro la sua gabbia, sa di che  cosa è morta quella cagnetta, è morta di paura e di solitudine. E' morta sognando i vicoli di Mosca, il branco  dei randagi e i gatti che non avrebbe più rincorso, la mano di quegli uomini ai  quali si era sicuramente affezionata, senza sapere quello che loro stavano  preparando per lei.... Altro articolo

 

Donaci un euro con PayPal

Anche un semplice euro per noi significa tanto. Con PayPal o richiedi il numero di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.